TRIESTE CALLING THE BOSS 2018 (26 aprile – 01 maggio)

TRIESTE CALLING THE BOSS 2018


«Everybody’s got a hunger, a hunger they can’t resist»


 

Trieste Calling the Boss nasce nel 2012 per festeggiare il concerto di Bruce Springsteen a Trieste, da allora la manifestazione organizzata dall’associazione Trieste is Rock, diventa un appuntamento fisso che convoglia ogni anno un afflusso di pubblico da città e fuori.

La musica fa da collante e punta ad attrarre spettatori di tutte le età, come avviene ai concerti del Boss. Massima apertura anche sui generi musicali: protagonista il rock a 360 gradi, in tutte le sue declinazioni, dai momenti più cantautorali e raccolti alle esplosioni elettriche.
Ogni anno c’è un filo conduttore: nell’edizione 2018 si celebra il quarantennale di «Darkness on the Edge of Town», quarto album di Bruce uscito nel 1978 (da qui lo slogan del Calling 2018 «Everybody’s got a hunger, a hunger they can’t resist», tratto da «Prove it All Night» contenuta nel celebre disco del ’78).

☆☆☆ DAY #1 ☆☆☆

## GIOVEDì 26 APRILE ore 20.30 ##
LOFT, Via Economo 12/1
FREE ENTRY

La settima edizione si inaugura al Loft di Via Economo. La serata avrà un timbro folk e cantautorale con un primo set dedicato a personali versioni delle canzoni di Springsteen per poi concludersi con un inedito duo formato da apprezzati musicisti della scena locale: J Tommasini & Johnny Staxx.

- Possibilità di cena prima e durante il live -

# ACOUSTIC BOSS – TRIBUTE SET #

★ CORTELLINO (from Trieste)
★ RICK PEROVICH (from Trieste)
★ RICCARDO GILENO (from Trieste)
★ ANTHONY BASSO (from Udine)

# HEADLINER #

★ J TOMMASINI & JOHNNY STAXX (from Trieste)
Jacopo Tommasini, classe 1994, nel 2013 registra con i Brazos – Black Suit Trio l’omonimo ep (con i Brazos ha suonato anche in Piazza Unità, per Capodanno e per la Barcolana), con i Ressel Brothers incide l’album «To Milk A Duck». Nel 2014 vince il premio come miglior chitarrista all’Opening Band, concorso per emergenti. Nel 2017 viene menzionato dall’associazione
francese Art’Hemis Prod come “scoperta del mese”. Vanta collaborazioni live con Bob Margolin, Eric Guitar Davis, Willie Nile, Jake Clemons, Guy Davis, W.I.N.D., Enrico Crivellaro, Jimi Barbiani, Luca Giordano, Heggy Vezzano, Max Debernardi, Oscar Bauer, Mike Sponza. Sarà accompagnato al piano da Giovanni Vianelli (aka Johnny Staxx), noto pianista triestino con anni di carriera alle spalle e vari tour con Angelo Branduardi. Conosciuto anche per la militanza nella S.I.P. Band e per essere
il direttore artistico del progetto Canto Libero – omaggio a Battisti & Mogol che da alcuni anni sta girando con successo i teatri d’Italia.

_____________________________________________

☆☆☆ DAY #2 ☆☆☆

## VENERDì 27 APRILE ore 18.00 ##
Dhome, Via delle Beccherie
FREE ENTRY

L’appuntamento prima e dopo il concerto serale è al Dhome di Via delle Beccherie: alle 18 con un aperitivo musicale e il duo di Ravenna Hernandez Sampedro, con una speciale set list che include Springsteen, Neil Young, Pearl Jam; e dopo la mezzanotte il KP Rock Party speciale Calling The Boss: dj set rock’n’roll a 360 gradi.

★ HERNANDEZ & SAMPEDRO (from Ravenna)
Luca Damassa e Mauro Giorgi sono Hernandez & Sampedro, due le loro chitarre, due i cuori che battono all’unisono, due i loro mondi: Ravenna e l’America. Due i loro dischi, il nuovo, pubblicato ancora da Route 61 Music, s’intitola «Dichotomy». Anche nei testi viene evidenziato il lato sentimentale, instabile e pazzo, politico e sociale, passionale e romantico della dicotomia. Da una parte Crosby Stills Nash & Young, dall’altra i R.E.M. E molto altro. «L’idea di “Dichotomy” è nata circa un paio d’anni fa, forse meno, durante un viaggio notturno: abbiamo pensato che sarebbe stato bello fare un disco sullo stile di “Rust never sleeps”, per mettere in risalto i due aspetti fondamentali della nostra musica e del nostro modo di suonare – in acustico e in elettrico – ma anche per sfatare l’immagine del duo acustico e basta che ci siamo fatti nel corso del tempo. E’ vero, è così che effettivamente siamo nati, e le circostanze ci hanno portati a fare moltissime date in due, ma c’è un cuore elettrico nella nostra musica e c’è sempre stata una band nei nostri sogni. Ora c’è tutto, tutto si completa in questo disco e anche il palco quando sarà possibile ci vedrà trasformati e rinforzati».

- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -

## VENERDì 27 APRILE ore 20.30 ##
Teatro Miela, Piazza Luigi Amedeo Duca degli Abruzzi, 3
ENTRATA CON BIGLIETTO

La seconda serata prosegue su temi acustici ma virando sul cantautorale, ricalcando un po’ quello che in questi tempi sta facendo Bruce con i suoi spettacoli a Broadway: spogliare le canzoni, renderle più intime e vere possibile.
Protagonista Cristina Donà, una delle voci più originali della scena musicale del nostro paese, con il suo spettacolo “Canzoni in Controluce” preceduta da Chiara Vidonis, artista triestina che si sta imponendo a livello nazionale e che la stessa Donà ha suggerito come sua apertura.
In una serata tutta al femminile, in apertura anche un set tributo al Boss di due giovani e bellissime voci: Fiore e Federica Crasnich

# VOICES OF WOMAN – TRIBUTE SET #

★ FIORE (from Trieste)
★ FEDERICA CRASNICH (from Capriva del Friuli)

# OPENING ACT #

★ CHIARA VIDONIS (from Trieste)

Artista triestina che in passato ha partecipato a diversi Premi, tra cui Emergenza Rock, il Premio Bianca D’Aponte (del quale vince nel 2011 il premio nella categoria “miglior interpretazione”), l’Artista che non c’era (arriva tra gli 8 finalisti del 2014), il Premio Pigro nel 2014 che vince con il brano inedito «Comprendi l’odio»; il suo debutto discografico si intitola «Tutto il resto non so dove» e contiene undici brani, totalmente scritti da lei, che abbracciano il rock in tutte le sue declinazioni, da quella che sfiora il punk ad un’intensa attitudine pop.

# HEADLINER #

★ CRISTINA DONÀ (from Milano)
più di vent’anni di carriera alle spalle, fatti di otto album in studio, Targhe Tenco, Premio De André, Premio Bindi alla carriera, Festival di Sanremo (anche come autrice per altri cantanti), ma soprattutto un percorso di qualità artistica e raffinatezza di scrittura che le hanno garantito un pubblico sempre appassionato e fedele. Nei primi anni Novanta calcò per la prima volta un palco, in apertura di un concerto degli Afterhours; proprio Manuel Agnelli produsse il primo disco della cantautrice lombarda, «Tregua» (Targa Tenco nel 1997). Robert Wyatt, entusiasta, lo inserì tra i suoi dischi preferiti dell’anno sull’influente mensile britannico “Mojo” – con il fondatore dei Soft Machine la Donà avrà poi modo di collaborare (anche in una delle canzoni più amate dal suo pubblico: «Goccia»). Un esordio esaltante che segna l’inizio di un’importante carriera: viene salutata come “la P.J. Harvey made in Italy” e di certo non teme confronti con le songwriter di fama mondiale, più volte avrà anche occasione di aprire per Patti Smith. È riuscita a conquistarsi il plauso di grandi figure quali David Byrne e Peter Walsh (già produttore di Scott Walker, di Peter Gabriel e dei Simple Minds) ed è stata la prima artista italiana a esibirsi al Meltdown Festival di Londra. Tra i suoi ascolti giovanili
Bruce Springsteen (con cui condivide il giorno di nascita), i Beatles, Joni Mitchell… Del Boss, sua passione da sempre, ha spesso eseguito delle cover e nel 2003 la Mondadori ha pubblicato il libro, con allegato DVD, “God Less America”, insolito diario di viaggio di Cristina Donà e dello scrittore/giornalista Michele Monina alla ricerca dell’America cantata da Bruce Springsteen.
L’anno scorso la cantautrice lombarda ha tagliato un traguardo importante, quello dei vent’anni di carriera e ha festeggiato facendo uscire un album in cui altri artisti reinterpretano i brani di “Tregua” (tra questi anche la Vidonis). A Trieste la Donà porta lo spettacolo “Canzoni in controluce”, con Saverio Lanza, artista, musicista e produttore.

❚ TICKETS ❚

soci trieste is rock: prevendita 10 euro – intero 12 euro
non soci: 12 euro

under 26 – nati dall’ 31.12.1991 (non disponibili in prevendita)
- 5 euro fino alle 20.45
- 10 euro dopo le 20.45

E’ disponibile un pacchetto di 60 euro per partecipare a TUTTI gli eventi compreso il pranzo finale
–> consulta il sito www.callingtheboss.it

I biglietti saranno acquistabili presso:

- Sede Trieste is Rock (via crosada 3) LUNEDì e GIOVEDì dalle 17 alle 19 / MARTEDì dalle 11 alle 12.
- Ticketpoint, Corso Italia 6/c, Trieste.
- Radioattività, Via campo Marzio 6 – Trieste
- Biglietteria Teatro Miela, Piazza Duca degli Abruzzi 3, Trieste
- In tutti i punti vendita Vivaticket d’Italia

- Online: https://goo.gl/i5vKDp
__________________________________________

☆☆☆ DAY #3 ☆☆☆

Nel pomeriggio, al Loft, il cantautore e rocker bresciano Riccardo Maffoni presenterà il suo nuovissimo album «Faccia» uscito il 6 aprile, assieme a molte delle canzoni del rock americano che più hanno segnato il suo percorso artistico.

## SABATO 28 APRILE ore 17.30 ##
LOFT, Via Economo 12/1
FREE ENTRY

★ RICCARDO MAFFONI (from Brescia)
Nella sua intensa attività live ha aperto i concerti di Van Morrison, Alanis Morissette, Willie Nile, Graham Parker, Cheap Wine, Joe D’Urso e Jaime Dolce, PFM e Nomadi. Ha conquistato negli anni vari riconoscimenti importanti come il “Premio Piero Ciampi, Città di Livorno, Omaggio a Stefano Ronzani”, il trionfo al Festival di Castrocaro e quello al 56° Festival di Sanremo nella sezione giovani nel 2006. Nel 2010 una sua versione del brano “It’s hard to be a saint in the city” di Bruce Springsteen viene inclusa nel cd “For You, a tribute to Bruce Springsteen”, una raccolta di brani del rocker americano tutti rivisitati da artisti italiani per l’etichetta Route 61.

- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -

## SABATO 28 APRILE ore 20.30 ##
Teatro Miela, Piazza Luigi Amedeo Duca degli Abruzzi, 3
ENTRATA CON BIGLIETTO

Dopo due serate più intimiste e acustiche, si iniziano ad alzare i watt e a far ballare il pubblico. Arriva al Teatro Miela quella che probabilmente è a livello europeo la più attiva e quotata tribute
band di Bruce Springsteen: i Blood Brothers. La loro scaletta pescherà molto dai concerti del tour del ’78, anno che il Calling celebra con il quarantennale dall’uscita di «Darkness on the Edge of town».
Nel set di apertura, due band triestine con personali versioni delle canzoni del Boss scalderanno il pubblico in questa prima serata elettrica.

# ELECTRIC BOSS – TRIBUTE SET #

★ ROY FORCE ONE (from Trieste)
★ THE RIDEOUTS (from Trieste)

# HEADLINER #

★ BLOOD BROTHERS – THE BRUCE SPRINGSTEEN SHOW (from Livorno)
I Blood Brothers nascono da un’idea di Francesco Zerbino (voce e chitarra), che dopo essersi diplomato al conservatorio in Percussioni ed aver girato il mondo come batterista, decide di dare inizio a un progetto che va oltre la riproduzione precisa di suoni e movenze tipiche di una tribute band, un progetto che oltre alla ricerca dei suoni e allo studio accurato dei testi, trasmetta forza, sentimenti e passione che gli spettatori possano ricordare a lungo. Inizia così un percorso speciale, che porta questi 8 ragazzi a vivere una sinergia unica che trasforma ogni gesto in un momento magico da condividere con il pubblico che diventa puntualmente “uno di loro”, proprio come accade ai concerti del Boss. La band in poco tempo è infatti diventata una delle più attive e quotate nell’intero panorama europeo!
Il repertorio propone i classici senza tempo tratti dagli album che hanno scritto la storia del Rock come Born To Run, Born In The Usa, Nebraska, The River, Darkness on The Edge of Town, senza tralasciare i più moderni The Rising o Wrecking Ball.
I brani sono eseguiti a ripetizione, carichi come se ogni concerto fosse il primo e l’ultimo con attenzione ai particolari come strumentazione e disposizione scenica per vivere una vera e propria Springsteen Night.
“Questa è la musica che ci fa stare bene” è il messaggio dei Blood Brothers “e se rimarrete con noi fino alla fine, capirete il perché!”.
Il motivo lo si intuisce subito, lo show è coinvolgente e si rimane con loro ben oltre la fine del concerto, consapevoli di aver condiviso un’esperienza unica. Un’esperienza che fa stare bene.

❚ TICKETS ❚

- soci trieste is rock: prevendita 8 euro – intero 10 euro
- non soci: 10 euro

under 26 – nati dall’ 31.12.1991 (non disponibili in prevendita)
- 5 euro fino alle 20.45
- 8 euro dopo le 20.45

E’ disponibile un pacchetto di 60 euro per partecipare a TUTTI gli eventi compreso il pranzo finale
–> consulta il sito www.callingtheboss.it

I biglietti saranno acquistabili presso:

- Sede Trieste is Rock (via crosada 3) LUNEDì e GIOVEDì dalle 17 alle 19 / MARTEDì dalle 11 alle 12.
- Ticketpoint, Corso Italia 6/c, Trieste.
- Radioattività, Via campo Marzio 6 – Trieste
- Biglietteria Teatro Miela, Piazza Duca degli Abruzzi 3, Trieste
- In tutti i punti vendita Vivaticket d’Italia

- Online: https://goo.gl/ThXwLB

__________________________________________

☆☆☆ DAY #4 ☆☆☆

Questa giornata del festival prevede due eventi speciali: il primo sarà nel pomeriggio, protagonista un vero guru del rock americano in Italia, quel Carlo Massarini che ha fatto conoscere, negli anni ‘70 e ’80, tanti artisti stranieri (ovviamente anche Bruce) attraverso le sue trasmissioni;
Al Bobbio Carlo Massarini, monumento del giornalismo musicale italiano, racconta «Darkness on the edge of town», attraverso tracce originali, bootleg, aneddoti, curiosità e non mancherà la
musica live: saranno infatti presenti Riccardo Maffoni e Powlean a sottolineare lo show con chitarre e voce.

## DOMENICA 29 APRILE ore 18.00 ##
Teatro Bobbio, Via Ghirlandaio 12
ENTRATA CON BIGLIETTO

# CARLO MASSARINI racconta DARKNESS ON THE EDGE OF TOWN #

Giornalista e fotografo che negli ultimi 45 anni ha attraversato tutti i media – radio/televisione/scrittura/fotografia/web – occupandosi di musica, arti contemporanee, tecnologia e mondi digitali.
Ha esordito in Radio con “Per Voi Giovani” nel 1971 e “Popoff” nel 1973 (dove trasmette nomi come Bruce Springsteen, Tom Waits, Bob Marley, Joni Mitchell o Jackson Browne ai tempi pressochè sconosciuti in Italia). Scrive per “Popster” (tra le prime riviste a parlare di punk e new wave) e “Rolling Stone” e dal 1981 al 1984 ha condotto (e ne è stato anche autore) la storica trasmissione “MR. FANTASY” (titolo ispirato dal “Dear Mr.fantasy” dei Traffic) che durerà 150 puntate (ogni martedì sera alle 23) e porterà in Italia per la prima volta la cultura dei videoclip, dando spazio a tantissimi nuovi nomi e a realtà italiane abitualmente poco considerate; nel 1986 conduce “Non Necessariamente”. Nel 1987 e nel 1988 ha presentato il Festival di Sanremo. Dal 1995 al 2002 è stato autore e presentatore su Rai Educational di MediaMente, programma dedicato alle nuove tecnologie digitali. Nel 2009 ha pubblicato per Rizzoli il foto-libro Dear Mister Fantasy (1969-1982). Dal 2010 al 2015 ha condotto su Rai5 Cool Tour, Classic Rock e Ghiaccio Bollente. Ultimamente ha condotto su Virgin Radio la rubrica Absolute Beginners.

❚ TICKETS ❚

posto unico non numerato: 12 €

E’ disponibile un pacchetto di 60 euro per partecipare a TUTTI gli eventi compreso il pranzo finale
–> consulta il sito www.callingtheboss.it

I biglietti saranno acquistabili presso:

- Ticketpoint, Corso Italia 6/c, Trieste
- Biglietteria Teatro Bobbio, Via Ghirlandaio 12, Trieste
- Radioattività, Via campo Marzio 6 – Trieste
- Punti vendita Vivaticket in Italia

- Online: https://goo.gl/fGmwqH

- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -

La quarta serata prevede il secondo evento speciale speciale di giornata, quando al termine della serata ci sarà un omaggio con vari artisti a Tom Petty, un simbolo del rock americano che ci ha improvvisamente lasciato alcuni mesi fa. In mezzo, un attesissimo set rock esplosivo a firma Cheap Wine.

## DOMENICA 29 APRILE ore 21.00 ##
Cafè Rossetti, Largo Gaber 1/2
FREE ENTRY

- Possibilità di cena prima e durante il live - 

# HEADLINER #

★ CHEAP WINE (from Pesaro)
in pista dal 1990 (il debutto discografico è del 1997), 12 album alle spalle, gratificati dai grandi consensi del pubblico e della critica specializzata, centinaia di concerti in Italia e all’estero, tante canzoni trasmesse da numerose emittenti radiofoniche in Europa e negli Stati Uniti hanno reso inossidabile la loro reputazione. Ma è la dimensione live il punto di forza dei Cheap Wine, che sul palco riescono ad esprimere appieno tutta la potenza del loro sound chitarristico, capace di sintetizzare, attraverso una lettura del tutto personale, 50 anni di musica rock. Energia allo stato puro, unita ad una padronanza tecnica straordinaria: un concerto dei Cheap Wine è sempre qualcosa di imperdibile. A Trieste presenteranno l’album “Dreams” uscito a fine 2017 e che chiude la trilogia aperta da “Based on lies” nel 2012 (nel quale i personaggi cercavano un riparo da una crisi, economica e di valori, che li stava aggredendo) e proseguita con “Beggar town” nel 2014 (la presa di coscienza della distruzione, l’osservazione delle macerie e la necessità di trovare la forza per rialzarsi e ricominciare a camminare). Nel nuovo capitolo le canzoni raccontano la prospettiva di un nuovo futuro, nel quale tornano in gioco i sentimenti, le aspirazioni, i sogni che erano infranti al tempo dell’esplosione della crisi.

# EVENTO SPECIALE #

★ TOM PETTY TRIBUTE
Un festival dedicato al rock americano non può non omaggiare uno dei suoi più grandi esponenti, scomparso in maniera improvvisa lo scorso ottobre: quel Tom Petty che seppur celebrato in maniera minore dalle grandi masse durante la carriera, ha però lasciato delle tracce fondamentali e ispirato molti altri artisti. Il tributo di Trieste Calling The Boss vedrà la Frank Get Band come backing band con la quale si alterneranno al microfono Frank Get, Anthony Basso, Riccardo Maffoni, Jacopo Tommasini e Marco Diamantini per realizzare il più rispettoso e sentito omaggio alla musica di Tom.

__________________________________________

☆☆☆ DAY #5 ☆☆☆

## LUNEDì 30 APRILE ore 17.00 ##
Teatro dei Fabbri, Via dei Fabbri 2/A
ENTRATA CON BIGLIETTO

# FROM DARKNESS TO BROADWAY #

“From Darkness to Broadway” sarà uno spettacolo tra reading e concerto. Agganciandosi a ciò che Bruce sta facendo a Broadway si ricreeranno quelle atmosfere suonando però con piano, chitarra e voce tutto l’album che il nostro festival ha deciso di celebrare, intervallandolo alla lettura e recitazione di alcuni testi e passi dell’autobiografia uscita da poco. Protagonisti i cantanti di varie tribute band: Renato Tammi (chitarra e voce, The Springstreet Band – Torino), Raffaele Pastore (chitarra e voce, The Essential – Napoli), Carlo Ozzella (chitarra e voce, The 57th Street Band – Milano), Gaetano Ambrico (piano, The Essential – Napoli) mentre la lettura e recitazione sarà affidata all’attore triestino Stefano Vattovani e all’attrice triestina Sara Alzetta. La direzione musicale sarà affidata a Renato Tammi che in prima persona ha voluto assistere a questi show che Springsteen da molti mesi sta mettendo in scena e cercherà di raccontarli attraverso le parole, la musica e soprattutto le emozioni.

❚ TICKETS ❚

posto unico non numerato: 5 €

E’ disponibile un pacchetto di 60 euro per partecipare a TUTTI gli eventi compreso il pranzo finale
–> consulta il sito www.callingtheboss.it

I biglietti saranno acquistabili presso:

- Ticketpoint, Corso Italia 6/c, Trieste
- Biglietteria Teatro Bobbio, Via Ghirlandaio 12, Trieste
- Radioattività, Via campo Marzio 6 – Trieste
- Punti vendita Vivaticket in Italia

- Online: www.vivaticket.it
- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -

Nell’ultima serata del festival al Teatro Miela ci sarà un ritorno alle origini musicali, a generi da cui tutti sono partiti e ovviamente anche Bruce: la Mama Bluegrass Band ci porterà in atmosfere folk, country e bluegrass mentre lo straordinario Matthew Lee con il suo piano riverserà scariche di rock’n’roll; in
apertura Carlo Ozzella.

## LUNEDì 30 APRILE ore 20.30 ##
Teatro Miela, Piazza Luigi Amedeo Duca degli Abruzzi, 3
ENTRATA CON BIGLIETTO

# OPENING ACT #

★ CARLO OZZELLA (from Milano)
Carlo Ozzella, classe 1981, si avvicina alla musica rock dopo aver visto Bruce Springsteen sul palco del Festival di Sanremo del 1996 e la affianca alla sua passione per la grande canzone d’autore italiana (De Gregori, Guccini, De Andrè), per i primi grandi artisti del rock’n’roll e per la musica irlandese, iniziando una intensa attività live con diverse band. Ha inciso 3 dischi di inediti di cui l’ultimo “Demoni” presentato sul prestigioso palco dell’Alcatraz di Milano.

# HEADLINER #

★ THE MAMA BLUEGRASS BAND (from Milano)
muove i suoi primi passi nel 2006 quando i suoi musicisti, provenienti da altre affermate realtà musicali, rimangono letteralmente folgorati dall’uscita di «We Shall Overcome: The Seeger Sessions». Quest’album insieme ad altre pietre miliari della produzione di Springsteen diventano lo spunto per intraprendere un percorso musicale che porterà il suono e la
musica della Mama Bluegrass Band ad evolversi rapidamente. L’autorevole rivista Italiana Buscadero afferma che «La loro grinta, classe e passione nel recuperare quei suoni old-style che
tanto sono tornati di moda negli USA dell’ultimo quinquennio, sbancano qualsiasi tentativo di contenimento, e spaziano nel mondo musicale americano con perizia degna degli autoctoni».
«Dogs for Bones» del 2016, come il precedente completamente composto da brani inediti, presenta sonorità che si fanno ancora più rock, segno di un’evoluzione continua.

# HEADLINER #

★ MATTHEW LEE (from Pesaro)
straordinario performer, pianista e cantante innamorato del rock’n’roll, che nonostante la giovane età ha già sulle spalle circa 1000 concerti. Vero nome Matteo Orizi, di Pesaro, ha suonato in tutta Europa, negli Stati Uniti ed in Africa. La stampa internazionale gli ha dedicato importanti recensioni definendolo “The genius of Rock’n’Roll”, Matthew infatti ripropone atmosfere rockabilly e performance alla Jerry Lee Lewis nei suoi trascinanti spettacoli live. Oltre ad essere uno straordinario interprete, si sta facendo apprezzare anche come autore.
Ha da poco finito di registrare il suo nuovo disco «Piano Man» uscito a febbraio con pezzi inediti e cover. Nello stesso periodo è partito per un tour iniziato al Blue Note di Milano e che lo porterà di nuovo in giro per il mondo. In questo nuovo spettacolo, Matthew si divertirà anche a fondere le sue radici rock’n’roll con le sue radici italiane, il risultato è che tutta una serie di classici della canzone italiana verranno rivisti, stravolti, reinventati. Ma non solo: nella scaletta ci saranno anche i grandi classici americani, brani inediti ed un sacco di sorprese per uno show da non perdere, divertente, elettrizzante, super energico.

❚ TICKETS ❚

soci trieste is rock: prevendita 10 euro – intero 12 euro
non soci: 12 euro

under 26 – nati dall’ 31.12.1991 (non disponibili in prevendita)
- 5 euro fino alle 20.45
- 10 euro dopo le 20.45

E’ disponibile un pacchetto di 60 euro per partecipare a TUTTI gli eventi compreso il pranzo finale
–> consulta il sito www.callingtheboss.it

I biglietti saranno acquistabili presso:

- Sede Trieste is Rock (via crosada 3) LUNEDì e GIOVEDì dalle 17 alle 19 / MARTEDì dalle 11 alle 12.
- Ticketpoint, Corso Italia 6/c, Trieste.
- Radioattività, Via campo Marzio 6 – Trieste
- Biglietteria Teatro Miela, Piazza Duca degli Abruzzi 3, Trieste
- In tutti i punti vendita Vivaticket d’Italia

- Online: https://goo.gl/uxkQnU

__________________________________________

☆☆☆ DAY #6 ☆☆☆


Il primo maggio il festival vivrà la sua giornata conclusiva e lo farà nel suo stile: cibo e musica con una bellissima vista sul mare… Sarà infatti un pranzo in riva al mare, accompagnato da un sottofondo musicale acustico, a mettere i titoli di coda a questa settima edizione del Trieste Calling The Boss.

## MARTEDì 01 MAGGIO ore 12.00 ##
Stabilimento balneare ferroviario, Viale Miramare 30
(parcheggio lungo il viale, lato destro corsia in direzione di uscita dal centro)
ENTRATA RISERVATA AI PARTECIPANTI AL PRANZO

☆ Menù Pesce:
- insalatina di seppie con sedano, pomodorino, carota e patate
- carpaccio di branzino marinato, finocchietto e pepe rosa con pinzimonio di verdurine
- lasagnetta al curry con branzino e zucchine
- pane
- 1 consumazione (acqua/bibita/calice vino)

☆ Menù Terra:
- carpaccio di Angus con pinzimonio di verdure
- parmigiana
- pane
- 1 consumazione (acqua/bibita/calice vino)

☆ Menù Vegetariani:
- caprese con burrata
- parmigiana
- pane
- 1 consumazione (acqua/bibita/calice vino)

Il costo a persona è di 25 euro che comprendono il pranzo, la musica, un bel panorama e tanta
bella compagnia!

E’ disponibile un pacchetto di 60 euro per partecipare a TUTTI gli eventi compreso il pranzo finale
–> consulta il sito www.callingtheboss.it

CONSIGLIATA PRENOTAZIONE
per avere certezza del posto per mangiare

scrivere una mail a: associazione.tsrock@gmail.com
oggetto: pranzo calling the boss

o telefonare 334/6478456 (Maurizia)

# BRUCE SET #

★ RENATO TAMMI & RAFFAELE PASTORE (from Torino & Napoli )
Due cantanti di due tribute band di Bruce di due città molto lontane tra loro che proporranno un live intriso di divertimento, amicizia e soprattutto festa; come sempre quando, messi assieme, parte la scintilla e trascinano tutti quanti in un divertimento contagioso.

# HEADLINER #

★ CARLO OZZELLA (from Milano)
Carlo Ozzella, classe 1981, si avvicina alla musica rock dopo aver visto Bruce Springsteen sul palco del Festival di Sanremo del 1996 e la affianca alla sua passione per la grande canzone d’autore italiana (De Gregori, Guccini, De Andrè), per i primi grandi artisti del rock’n’roll e per la musica irlandese, iniziando una intensa attività live con diverse band. Nel 2013 pubblica il suo primo album Il lato sbagliato della strada, che ottiene positivi riscontri sia di critica che di pubblico, in cui alterna il cantato in inglese ed in italiano e che dimostra chiaramente sia dal lato musicale che testuale le forti influenze legate ai suoi amori musicali.
Il secondo album Storie della fine di un’estate è del 2016 e conferma il talento dell’artista mostrando una variazione di stile, a partire dai brani che qui sono tutti ormai in italiano, virando decisamente verso la canzone d’autore anche se non mancano momenti folk-rock e i alcuni casi pop-rock. A fine 2017 è uscito il suo ultimo lavoro intitolato “Demoni” presentato sul prestigioso palco dell’Alcatraz di Milano.
Fa anche parte della “The 57th Street Band” una band tributo di Bruce Springsteen e dei “Barbablues” una potente e coinvolgente Rock ’n’ roll cover band.

# HEADLINER #

★ POWLEAN (from Trieste)
Nato a Trieste nel 1973, è cresciuto ascoltando quasi esclusivamente interpreti americani, da Neil Young a Springsteen a Johnny Cash. A 20 anni attraversa l’America in bus da costa a costa. Rientrato in Italia, inizia ad esibirsi nel sottopassaggio della stazione con chitarra e armonica riscuotendo grandi apprezzamenti e riuscendo a guadagnare abbastanza per comprare una chitarra e un impianto. Una percorso fatto di viaggi oltre oceano e grandi riconoscimenti anche in Italia dal ’98 ad oggi, ormai trasferito a Fuerteventura ma senza disdegnare qualche tour in Italia o Europa un paio di volte all’anno.
__________________________________________

CONVENZIONI PER DORMIRE:
https://goo.gl/TSLLG6

CONVENZIONI PER I PASTI:
Menù speciali pranzi e cene “Calling the Boss”
presso “La tecia”, Via San Nicolo 10

antipasto, bis di primi, dolce, acqua e vino = 20 euro

Share:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • del.icio.us
  • MySpace
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • Print
  • email
  • RSS

About Raph