Intervista Steve Wynn

wynn-9919Una data da cerchiare in rosso sul calendario per gli appassionati del rock e gli amici dell’associazione culturale Trieste is rock.

Venerdì 20 marzo ritorna a Trieste un grande musicista e un nostro caro amico, Steve Wynn, che salirà sul palco del Cafè Rossetti di Largo Gaber 2.

Nel corso della stessa serata, dalle ore 20.30 si esibiranno anche i Cheap Wine.

Trieste is Rock è riuscita a portare in città nello stessa data l’artista californiano che ha intrapreso un lungo tour europeo da solista accompagnato soltanto dalla sua chitarra elettrica ed uno dei migliori gruppi rock italiani in circolazione.

Da oltre trent’anni Steve Wynn (classe 1960) è il punto di riferimento del circuito alternativo ed indipendente della scena rock statunitense.

 E’ stato il frontman dei Dream Syndicate, uno dei gruppi simbolo dell’underground californiano, la band che assieme ai primi R.E.M, Green On Red e ai Replacement ha contribuito a far nascere la scena rock indie USA agli inizi degli anni ’80.

Lo abbiamo intervistato per voi.

 

Questo sarà il suo quarto concerto a Trieste: qual è il suo rapporto con il pubblico locale? Ha qualche ricordo speciale degli ultimi spettacoli?

“Davvero? Solo il quarto? Wow, mi sembravano di più… Posso dire senza alcuna esitazione che ho amato ogni spettacolo tenuto a Trieste.

Ho trovato sempre tanto entusiasmo ed eccitazione e mancanza di esitazione e di inibizione. Tutte le cose che amo in un pubblico. E a volte anche James Joyce è presente allo spettacolo…”.

 

Quando le è venuta per la prima volta l’idea di intraprendere un tour elettrico one-man-band?

“Mi piace fare questi tour ridotti in Europa ogni pochi anni. E’ un modo per sfidare me stesso, per trovare nuovi stimoli dal di dentro e per riscoprire e rivalutare la mia storia.

E poi lo scorso autunno a New York ho visto tre diversi interpreti – Grant Hart, Bob Mould e Elvis Costello – fare spettacoli elettrici solisti e mi è veramente piaciuto.

Assistendo ai loro show, ho realizzato che si può essere un rocker che si esibisce da solista e comunque suona come si fa con una band.

Si tratta di una scelta naturale per me”.

 

Ha intenzione di realizzare un tour simile negli Stati Uniti?

 “Ho già tenuto cinque spettacoli come questo negli Stati Uniti e sono sicuro che ne farò altri.

La reazione del pubblico è stata davvero buona”.

 

A Trieste condividerà la serata con i Cheap Wine, a nostro parere uno dei più interessanti gruppi rock italiani. Suonerete insieme sul palco? Ci sono voci voce che potrebbe accadere…

“Conosco Marco e i ragazzi da tanto tempo e abbiamo suonato insieme in passato. Vediamo cosa succede!”.

 

In che misura il trasferimento da Los Angeles a New York ha influenzato la sua carriera?

“Molto. Che cosa ha detto Nilsson in “Everybody’s talking?”. Oh sì, ha detto “Vado dove il tempo si adatta ai miei vestiti.” Ma in questo caso sono andato dove la città si adattava alla mia personalità: un sacco di passeggiate, un sacco di stimolazione visiva, conversazioni, miscele di lingua, cibo e costumi.

Tutto intorno a te in ogni momento. E quando sei a piedi in giro per New York City, anche se sei con milioni di persone, sei anche solo e invisibile. Ottimo per comporre e pensare”.

 

E ‘vero che ha intenzione di registrare un nuovo album dei Dream Syndicate? Ha iniziato a lavorarci su da solo o sarà un lavoro di squadra?

“Un pò di entrambi. La band sta suonando in modo fantastico e siamo particolarmente a nostro agio con le canzoni più lunghe e l’improvvisazione: vorrei trasferire un po’ di questi elementi sul disco”.

 

E i Miracle 3? A questo proposito, c’è qualche outtakes del periodo di “Here Comes The Miracles” in attesa di essere pubblicato?
“In realtà abbiamo usato tutte le canzoni, di quella sessione, tranne una, per il doppio album con 19 brani che alla fine è uscito. L’unico brano non utilizzato è intitolato “Bitch Pants”.

 Sì, lo ammetto: un titolo e canzone abbastanza sciocchi. Scommetto che verrà pubblicato. E ‘abbastanza divertente.

Ma io vorrei realizzare una collezione completa della “Desert Trilogy” con ogni canzone da quel primo disco, “Here Comes The Miracles”, dalm secondo “Static Transmission” e dal terzo “… tick … tick … tick”. E’ stato un grande, emozionante, periodo di ispirazione e sarebbe bello documentarlo in qualche tipo di contesto coerente”.

 

C’è un gap di 22 anni tra “Lost Weekend” e “Cast Iron Soul”, i due dischi di Danny & Dusty, qual è il suo rapporto attuale con Dan Stuart dei Green On Red? Ci saranno ulteriori collaborazioni?

 “Stavo giusto parlandone ieri sera. Non riesco a pensare a molti altri casi in cui vi sia stato un divario di 22 anni tra un album d’esordio e il secondo. Dan ed io abbiamo tenuto uno spettacolo insieme a Zurigo poche sere fa ed è stato davvero divertente. Non credo quindi che abbiate sentito Danny & Dusty per l’ultima volta…”.

 

Ha mai pensato di registrare un album di cover? Oltre a “Wynn interpreta Dylan”, naturalmente.

 “Sto pensando di tenere alcuni spettacoli – e forse pubblicare un’altra raccolta di cover – il prossimo anno per il 75 ° compleanno di Dylan. Quello spettacolo al Hana Bi era così divertente e mi piacerebbe farlo di nuovo. Ho realizzato anche uno show su Lou Reed con i Miracle 3 l’anno scorso, che è stato grande. Mi piace fare cose del genere.

E’ un buon modo per me di imparare cose nuove ed è sempre divertente per il pubblico. Rimanete sintonizzati. Scommetto che farò altre cose di questo tipo”.

 

Oltre ad essere un musicista, so che è anche un collezionista di musica: c’è qualche nuova band che le è particolarmente piaciuta di recente?

“Penso che ci sia della buona musica in questo momento. Amo Sun Kil Moon, The War On Drugs, Phosphorescent, l’ultimo di D’Angelo, i Black Keys, gli ultimi album di Tom Petty e Ryan Adams – un sacco di musicisti al vertice in questo momento. E’ stimolante”.

 

Che ne pensa delle nuove tendenze della musica on demand come Spotify e affini? Pensa che una piattaforma come Tidal potrebbe essere una buona via di mezzo tra qualità e tendenza? Personalmente ritengo che un artista come Pono non sia in grado di attirare il pubblico in generale né gli audiofili, cosa ne pensa?

“Non conosco Tidal. Dovrei essere spaventato? Certo, ho sentimenti contrastanti su Spotify. Come fan, è facile e conveniente. Come musicista è la prova che nuovi CD continueranno a vendere sempre meno o semplicemente non esisteranno più. Ma la musica non se ne va mai. Tutto cambia continuamente.

Io scriverò ancora , registrerò ancora , suonerò ancora: solo i modi per collegare queste cose con i fan cambieranno. Non sono preoccupato”.

 

Quali sono i cinque dischi che sta ascoltando più, ultimamente? E i cinque che si porterebbe su un’isola deserta?

“Ascolto sempre qualcosa di Bob Dylan. Ultimamente è “Tell Tale Signs”, la collezione ufficiale di bootleg di qualche anno fa. Ho scaricato (legalmente!) l’ultimo concerto degli Allman Brothers al Beacon di New York e l’ho ascoltato un sacco. E una grande band africana chiamata Tamikrest. Come i Tinariwen, ma ancora più rock.

Su un’isola deserta? Ho il mio telefonino e un piccolo altoparlante da viaggio. Perché andare in tour è come arrivare su un’isola deserta. Io sono sempre pronto”.

Share:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • del.icio.us
  • MySpace
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • Print
  • email
  • RSS

About Raph