06 DICEMBRE: LIGHT OF DAY BENEFIT

GIOVEDì’ 6 DICEMBRE ore 20,30

Teatro Verdi, Muggia (TS)

******************************************

Light of Day Benefit Tour

******************************************

________________

________________

evento su facebook: https://www.facebook.com/events/257450411045028/?fref=ts
________________

________________

Per il terzo anno consecutivo e per noi motivo di onore ritorna in città:

LIGHT OF DAY BENEFIT TOUR

Il sound della East Coast americana a favore della ricerca sul Parkinson, SLA e Sclerosi Multipla.

Una “Acoustic rock night” con la partecipazione di:

– WILLIE NILE è stato negli Ottanta sul punto di farcela a grandi livelli, ha aperto per gli Who, creato una strada alternativa su cui chi amava il sound di Bob Dylan e Bruce Springsteen poteva trovare ballate da sogno (“Across The River”) ed energia pari a quella della E Street Band (“Vagabond Moon”), ritorna a Trieste dopo l’indimenticabile concerto a luglio sul lungomare di Barcola; songwriter di razza, poesia ed impegno sociale unite ad una carica rock fuori dal comune.

– JOE D’URSO da molti anni si sbatte per i club della costa est e di tutta Europa propagandando con sudore e passione una musica che non poco deve ai Wallflowers ed ai Counting Crows; anche Joe ritorna entusiasta a Trieste, dopo lo scorso concerto tutto sudore e passione; grande carica e travolgente energia.

– ISRAEL NASH GRIPKA è un cantautore statunitense. Nato in un piccolo paese dei monti Ozark nel Missouri, figlio di un pastore battista si trasferisce a Williamsburg, a Brooklyn. Qui pubblica nel 2009 un primo album New York Town, ispirato a Ryan Adams. Assieme al batterista Steve Shelley dei Sonic Youth e con la band di supporto dei The Fieros si trasferisce nelle montagne Catskill nello stato di New York in cerca di ispirazione, dove registra l’album Barn Doors & Concrete Floors. La registrazione avviene in un granaio e le tracce dell’album sono intrise di roots-rock country rock con rimandi ai Rolling Stones di Exile on Main Street.

- JAMES MADDOCK Una carriera che è un piccolo romanzo, come spesso accade, per questo musicista, che con il suo esordio del 2000 intitolato Songs from Stanford hill ricevette grandi plausi dalla critica, ma non riuscì a raggiungere le classifiche, creando un vuoto personale nel cuore dell’ artista. Ci sono voluti dieci anni prima che nel giro di poco più di un’ anno due album, uno in studio, Sunrise on Avenue C, ed uno dal vivo, Live at the Rockwood hall, lo riportassero al centro della scena musicale d’ autore americana. Il passo è quello dei grandi nomi, da Springsteen ai cantanti anche della costa Ovest americana, con quella bella ruggine americana che non dorme mai, invece tipico della Grande Mela, a dare il passo ed il polso alle sue canzoni.

– JESSE MALIN Jesse Malin è un cantautore e cantante statunitense punk rock, nato a Whitestone, nel Queens, New York, il 26 gennaio 1968. Pubblica dischi da solista, ma in passato è stato nella celebre band hardcore Heart Attack, fino al loro scioglimento nel 1983; dopodiché ha suonato con gli Hope, prima di entrare a far parte per otto anni della band glam punk degli D Generation, fino al loro scioglimento nel 1999.
Il suo stile ricorda fortemente la scuola rocker dall’apporto tradizionale, da Bruce Springsteen a Neil Young passando per Paul Westerberg e Steve Wynn; e si distacca dal punk metropolitano che proponeva quando era cantante degli D Generation. Jesse Malin ha iniziato a suonare dall’età di 12 anni, scrivere musica è un vero e proprio bisogno per lui, tant’è che nel corso della sua carriera ha prodotto numerosi album, spinto dal suo entusiasmo e dalla capacità di reiventarsi ogni volta, terminato un progetto riesce subito a calarsi in uno nuovo.

– GRAZIANO ROMANI Cantautore di origini emiliane (Casalgrande, RE) la cui voce è stata spesso definita dalla critica “una delle più belle del panorama italiano”, è un artista assolutamente prolifico ed eclettico: ad oggi ha composto più di trecento canzoni, vanta una corposa discografia con più di 16 album pubblicati, ed i suoi concerti sono un concentrato di energia, sincerità e passione.

-– DORINA L’idolo di casa, un vulcano di energia e un grande talento come dimostrato nel corso della trasmissione X FACTOR a cui ha partecipato un paio d’anni fa Una vera rocker!

–FRANK GET Negli anni novanta ha ripreso a tempo pieno la carriera musicale con un progetto solista che, prima con i”Frankie and The Spare Parts” poi con “The East Tornado” nel corso di un decennio, oltre ad una notevole serie di concerti(oltre 500) non solo in Italia, gli ha permesso di partecipare a varie manifestazioni nazionali quali: Arezzo Wave, Emergenza Rock, Sanremo Giovani Autori (finale 1994), Sanremo Giovani (Accademia della Canzone): 1996 Premio Speciale della Critica e 1997 finale, Note di Primavera ( Reggio Calabria) 1996 Premio della Critica, Parole e Musica per la Canzone D’Autore (Genova) 1997 primo classificato. Nel 1996 ospite del programma Help TMC2 condotto da Red Ronnie. Nel 1999 ha fondato la rock band Sottofalsonome e fatto più di 600 concerti in otto anni non solo in Italia ma in tutto il centro Europa (Austria, Slovenia, Croazia,….) Biker Fest 1995, 1999, 2004, Capodanno in piazza 2005 Gorizia, i-Tim tour Trieste 2002, Capodanno in piazza 2000, 2001, 2002 Trieste, Barcolana Festival 2001, Song Festival 2001 Velden Austria, Progressive Rock Festival 2005 Trieste. Ora impegnato con il progetto blues dei TexMex.

– MIKY MARTINA Cantautore di Tarvisio piccola città posta all’estremo nord-est d’Italia, collocata quindi on the border con tutto quello che ciò può significare ma con il pregio indubbio di essere a contatto con mondi e lingue diverse e per questo fonte di ricchezza culturale utile per l’ispirazione artistica. Le strade secondarie, quelle meno facili ma sicuramente le più stimolanti, sono il suo terreno naturale e questo suo modo di essere lo colloca idealmente lungo le blue highways, vicino ai songwriters americani e a Bruce Springsteen in particolare.

******************************************************************

L’incasso della serata porterà denaro europeo, altre forze dunque, a chi sta cercando di frenare il Parkinson.
L’intero incasso verrà infatti devoluto in beneficenza metà alla “Light Of Day Foundation” USA e metà a LIMPE – Lega Italiana per la lotta contro la malattia di Parkinson, le Sindromi Extrapiramidali e le Demenze.

Non solo, a beneficiarne saranno anche quanti stanno facendo ricerche sulla SLA e sulla sclerosi multipla. Nel corso dei 10 anni di Light of day sono stati raccolti più di un milione di dollari donati alla ricerca.

Per ulteriori informazioni sulla fondazione Light of Day visitate il sitowww.lightofday.org

******************************************************************
TICKET

http://www.triesteisrock.it/archives/2577

******************************************************************

STORIA LIGHT OF DAY
“Suono una sera per me e una sera per l’altro ragazzo”. C’era una volta Harry Chapin, autore di canzoni, newyorkese bravissimo a dare di block notes e chitarra, ma bravo forse ancora di più a ritenere che guadagnare una sera su due gli potesse bastare. Suonava una sera per lui e una per chi ne aveva più bisogno: “one night for me, one night for the other guy”, appunto. E lo raccontava orgoglioso, ed anche un po’ logorroico, a chi lo incontrava per caso. Per caso, una sera fu Bruce Springsteen a ritrovarselo sotto la finestra del suo hotel. Erano gli anni Settanta, quando poteva capitare che Chapin e Springsteen dividessero lo stesso motel fuori città, e poi giù a raccontarsi come era andata, ognuno in un club diverso, ognuno con la propria band. Poi Springsteen all’inizio degli anni Ottanta ha scritto e pubblicato “The River” prima di diventare una superstar planetaria, mentre a Chapin è toccato un incidente d’auto sulla Long Island Expressway a pochi chilometri dal prossimo club in cui cantare per “l’altro ragazzo”. Avrebbe devoluto l’incasso in beneficenza quella sera, invece ha trovato la morte. A 27 anni da allora, c’è ancora chi canta “one night for me, one for the other guy”.
L’altro ragazzo si chiama Bob Benjamin e a molti il nome dirà sicuramente poco. E’ una manager di periferia, precisamente del New Jersey del nord, uno che campa gestendo gli interessi e le serate di piccoli rock’n’roller ma che lo fa con la passione di chi finisce col dare alla musica tutto sé stesso, anche le ultime forze. Sta lottando da anni con il morbo di Parkinson ma non molla i club, le chitarre, l’agenda degli appuntamenti. Per lui hanno messo insieme nove edizioni di un evento di beneficenza, il “Light Of Day”, che è attraversato dal sogno che Bob possa farcela. E’ capitato così che sul palco dello Stone Pony di Asbury Park incrociassero le chitarre Bruce Springsteen e l’attore Michael J.Fox, o che Southside Johnny, Garland Jeffreys e altri cantassero le loro canzoni appassionate in cambio di nulla, perché la “cassa” serviva a dare forza alla ricerca sul male terribile che aveva colpito il loro amico.

Alcuni dei protagonisti di quellenotti seguono le orme di Harry Chapin e senza mai mancare l’appuntamento americano del “Light of Day” (“luce del giorno”, dalla canzone che Springsteen scrisse per l’omonimo film dell’amico Paul Schrader), sono anche ospiti fissi di una piccola versione europea di quei concerti.

www.triesteisrock.it

Share:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • del.icio.us
  • MySpace
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • Print
  • email
  • RSS

About Raph